http://www.vittorionocenzi.net/modules/mod_image_show_gk4/cache/header-lights.Nocenzi-biogk-is-124.jpglink
A+ A A-

Biography

Vittorio Nocenzi 1952Vittorio Nocenzi è una delle figure più atipiche e carismatiche del panorama musicale e culturale non soltanto italiano. Dotato di un talento e di una sensibilità compositiva innata che lo hanno avvicinato molto presto alla musica classica, ha studiato pianoforte e filosofia, storia moderna e clarinetto, organo da chiesa ed etnomusicologia, mentre, giovanissimo, debuttava nella piece teatrale e radiofonica di Leone Mancini 100 minuti. Era il 1966, lo stesso anno in cui inizia la collaborazione con Gabriella Ferri per la quale compone 7 brani pubblicati sull'LP Gabriella Ferri edito da RCA.

Come COMPOSITORE e coautore dei testi, oltre che PIANISTA e tastierista, nel 1969 fonda il Banco del Mutuo Soccorso, uno dei più importanti esempi di contaminazione globale: la musica classica, il rock, il jazz si fondono e accolgono le suggestioni della sperimentazione nei territori del linguaggio dell’arte (tra i momenti più significativi di questo melting pot espressivo DI TERRA è una delle prime esperienze italiane di fusione tra rock e musica sinfonica).

In una continua ricerca di sperimentazione nei territori semantici ed estetici più eterogenei, il Banco, sotto la guida di Nocenzi, regala momenti di suggestione assoluta sia nella forma ariosa e poliedrica dei concept album di matrice sinfonica, sia nei dettami metrici compressi della forma canzone, sia nelle composizioni di respiro operistico. Con questa esperienza Nocenzi esalta le sue radici classiche, pur non costringendosi in alcuno schema predefinito, esplorando anzi, con rarissima coerenza espressiva ed eclettismo estetico, tutte le possibilità del costruire musica. Nel 1972, DARWIN! è acclamato come miglior disco di rock progressive italiano, con inconsueta condivisione tra pubblico e critica. A soli 21 anni Vittorio Nocenzi è già considerato uno dei più importanti ed ispirati musicisti del panorama musicale europeo.

Se già con l’album eponimo BANCO DEL MUTUO SOCCORSO del 1971, poi ribattezzato Il Salvadanaio, si era creato un movimento di opinione intorno alla band romana, con Darwin! i consensi unanimi proiettano Nocenzi e soci verso una carriera di primo piano, che ha visto incrociare i propri destini artistici e le esibizioni dal vivo con musicisti del calibro di Keith Emerson, Gentle Giant, Curved Air, Rory Gallagher, Billy Preston, Sam Moore, Astor Piazzolla...

Poco dopo, il progetto Banco viene consacrato da uno dei più originali, complessi ed affascinanti album rock mai pubblicato in Italia: IO SONO NATO LIBERO, manifesto di un'estetica progressive che si sposa per la prima volta con le suggestioni cantautorali dal risvolto socio politico.

Con i primi tre album (ai quali si aggiunge l'esordio beat di DONNA PLAUTILLA), che a detta di molti hanno cambiato il modo di pensare la musica in Italia, inizia una peregrinazione espressiva senza precedenti, le cui esplorazioni hanno toccato molti canoni, tracimando al di là del confine di genere, passando dal bucolico all'avanguardia, dall'elettronica alla world music, dal progressive al jazz, dall'opera al minimalismo.

Nel frattempo, Nocenzi attua un parallelo ITINERARIO SOLISTA che lo vede impegnato nella scrittura di musica per danza, teatro, poesia e cinema. Sue le musiche per i balletti di danza contemporanea Etruria, Boheme, Bocca della Verità, E' nata una stella (con R. Greco e M.T. Dal Medico). Ma anche le colonne sonore per le piece teatrali come Rossetto sull’ostia, E il matto illuminò la notte, Dialoghi con Leucò (di R. Sicco), e per cinema e televisione: Nudo di Donna di Nino Manfredi, Colomba di Giacomo Battiato, Greggio è pericoloso di T. Torquati, L'occhio di Giuda e Turno di Notte di Paolo Poeti, Nella città perduta di Sarzana di Luigi Faccini.

E’ del 2001 la pubblicazione del suo CD-libro MOVIMENTI, tredici brani per i quali Alda Merini scrive altrettante poesie inedite, in un gioco di specchi e punti di vista che esalta la natura “visiva” delle composizioni musicali.

Nel 2002 è responsabile del progetto Musica Italiana Dante Alighieri, nel quale ha particolare rilievo Il suono della parola e la lingua del bel canto, manifesto firmato da Nocenzi, Battiato, Branduardi, Finardi e Guccini, inteso a rilanciare fra i giovani l’interesse per la lingua italiana.

Dal 2005 al 2007 crea il progetto sperimentale Musicorienta e ne cura la realizzazione come responsabile del comitato scientifico formato da Enrico Ghezzi, Franco Battiato, Vincenzo Cerami, Walter Mauro ed Ennio Morricone. Negli stessi anni dà vita alla Roma Electric Orchestra, ensemble musicale nato dalla selezione di 400 giovani talenti della provincia di Roma. Dal 2008 al 2009, cura la direzione artistica del progetto Format@zione - i territori del linguaggio, con la partecipazione di più di 10.000 fra studenti e docenti.

Nel 2009 pubblica il suo lavoro musicale, ESTREMO OCCIDENTE, un CD/DVD con 9 composizioni per solo pianoforte, ispirate da altrettanti esagrammi de I ching. Un Vittorio Nocenzi attento alle istanze più recenti del post-minimalismo occidentale, filtrato attraverso un costante riferimento al classicismo della tradizione.

E' del 2010 la registrazione di una nuova colonna sonora per il capolavoro del cinema muto (1925) Il fantasma dell'opera con Lon Chaney per la regia di Rupert Julian.

Vittorio Nocenzi - Premio per la paceNel settembre 2010, ad Assisi, Vittorio Nocenzi riceve il premio come ARTISTA PER LA PACE 2010 per il Suo impegno sociale che lo ha contraddistinto lungo tutta la sua carriera. Con i concerti di Estremo occidente per pianoforte sostiene i progetti di sviluppo sanitario nell' Africa sub-sahariana diretti dal Prof. Aldo Morrone.

Nel 2011 esce il libro SGUARDI DALL'ESTREMO OCCIDENTE in cui Nocenzi non solo è impegnato a raccontare come sono nati lo stile e il repertorio del Banco, ma attraverso le conversazioni con Gianfranco Salvatore, affronta alcuni grandi temi filosofici e musicologici.

Il 2012 vede il Banco arrivare al suo quarantesimo anno di irripetibile carriera e successi. Per questa occasione la band accetta, per la prima volta, di raccontare la sua storia in modo ampio e coinvolgente con l'uscita del ‘Salvadanaio’ che ritorna con un nuovo cofanetto prodotto da Sony Music. Al suo interno un booklet che raccoglie, oltre alla storia mai raccontata del Banco, anche foto inedite della band.

Agli inizi del 2013 Nocenzi pensa a Darwin! come ad un laboratorio di ricerca e di produzione. A maggio va in scena, per la regia del premio oscar Gianni Quaranta, Darwin l'evoluzione? Prove tecniche di messa in scena, una Concept opera ispirata alla preistoria. Scritta sulle musiche e sui testi del BMS, Darwin l'evoluzione? è un'opera collettiva di giovani artisti italiani, sintesi di teatro, video art, danza e musica, articolata in “quadri narrativi” scenico-musicali, uno spettacolo-multicodice.

In contemporanea è pubblicata una nuova edizione dell'opera originale Darwin! del 1972, in doppio CD e triplice vinile. Per l'occasione Nocenzi scrive la musica inedita di IMAGO MUNDI. Interpretato dal Banco e da Franco Battiato, il brano è idealmente l'episodio conclusivo della grande rock-opera che consacrò la band romana a livello internazionale.

Nel luglio 2013, con un ampio consenso sul web (classikrock.blogspot.it), Vittorio Nocenzi viene indicato come il MIGLIOR TASTIERISTA PROG ITALIANO. Per il rapporto fra il suo lavoro di musicista e il lungo arco di tempo da lui attraversato come testimone, con i suoi 26 dischi e gli oltre quattromila concerti in tutto il mondo (dall'Austria al Giappone, da Cuba alla Francia, al Brasile, al Canada, agli U.S.A., alla Germania, all'Inghilterra, etc), Nocenzi ha sempre incontrato il favore del pubblico e della critica specializzata, dalla quale è ritenuto tutt'oggi uno dei più importanti compositori e tastieristi contemporanei.

Francesco Villari

 Banco del Mutuo Soccorso website  Darwin l'evoluzione?